«Creatività è andare oltre i propri limiti»

Arianna Ortelli, 25 anni, ceo e co-founder della startup Novis, racconta il suo rapporto con la creatività e lancia un messaggio ai giovani

Arianna Ortelli
27Lug '21

«Creatività è andare oltre i propri limiti»

«Creatività è andare oltre i propri limiti». Arianna Ortelli, 25 anni, torinese, già da due anni imprenditrice, sa attingere al pozzo della sua creatività. A 23 anni ha fondato  la Novis, una piattaforma di gaming per la disabilità visiva dove tecnologia e finalità sociale si contaminano. Per questo il Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale di Torino l’ha voluta quest’anno sul palco dell’evento CreaTo che ha acceso i riflettori proprio sulle potenzialità di essere creativi.

 

 

Quale spazio per i giovani nel nostro Paese?

Quale spazio per i giovani nel nostro Paese? E soprattutto: i giovani sanno essere creativi? Hanno voglia di fare impresa? « Poco e mi dispiace» racconta Arianna. «Ho vissuto in primi anni di università con un certo disagio perché mi aspettavo un ambiente più dinamico. Pensavo di incontrare persone che, con me, condividessero la stessa voglia di mettersi in gioco. Ricordo quando un professore di Economia chiese a un’aula di 500 studenti chi avrebbe voluto diventare imprenditore… Solo in cinque abbiamo alzato la mano. In quel momento mi sono sentita diversa, quasi in colpa. Addirittura presuntuosa di voler fare qualcosa di mio…».

 

Immaginare il futuro a 25 anni

«Oggi siamo solo all’inizio di quello che, spero, sarà un giorno qualcosa di più grande. Al di là di Novis, per me è importante lanciare un messaggio di fiducia negli altri: poter credere nelle altre persone e nelle proprie possibilità» spiega Arianna Ortelli. «Come azienda abbiamo un’anima sociale importante e chiara la convinzione che chiunque deve avere le stesse possibilità: di divertirsi ma anche di fare impresa».

«Il mio sogno è portare questo messaggio fuori dalla realtà di Torino ed esportarlo in altre città, in altri stati, rendendolo prima possibile universale. Far capire che, per quanto nel piccolo, si possono cambiare le cose. La tecnologia Novis può essere applicata a molti ambiti: sta a noi capire come potrà essere utilizzata anche in ambito riabilitativo, educativo. Il vero limite saranno solo le idee delle persone che ne svilupperanno i contenuti»

releated posts

ADD YOUR COMMENT

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.